#TheSourdoughBaker: I Lussekatter di Santa Lucia


carousel, The Sourdough Baker / Wednesday, December 6th, 2017

Ogni tanto si torna a trafficare in cucina con un pò di calma…voi la festeggiate Santa Lucia? Tradizionalmente a Milano non si fa, essendo appena usciti dalle celebrazioni di Sant’Ambrogio. Anche se non so se sia questa la motivazione ufficiale. Comunque non si festeggia, ma io avevo una nonna a Lodi e lì invece è una festività molto sentita, anzi i miei cugini mi dicevano sempre che i doni a loro li portava Santa Lucia e mica Babbo Natale. Io che vi devo dire: l’11 è il mio compleanno, il 13 Santa Lucia, il 25 Natale…nel giro di 15 giorni mi arrivavano una caterva di regali e dolci! Eh sì, perché Santa Lucia portava sempre anche un enorme vassoio di caramelle e pasticcini, sia ai piccoli che ai grandi. Mio papà a 50 anni ancora si aspettava il suo vassoio, soprattutto per le liquirizie!

Anche se qui non è una cosa sentita ho deciso che noi festeggeremo Santa Lucia, ma dato che tanto i bimbi sono ancora piccoli per capire bene ho deciso di approfittare di un rinfresco di pasta madre per provare questi dolcetti tradizionali svedesi…una Santa Lucia più per noi che per loro quest’anno! Dall’anno prossimo mi sa che ci toccherà il vassoio e i regali 😀 Comunque un pò di festa ce la meritiamo pure, fra acciacchi e malanni eh. Io sono sempre bloccata con la schiena, Lorenzo ha la febbre e deve andare dal dentista, Mattia ha la plagiocefalia e iniziamo le sedute dall’osteopatia oggi e settimana prossima avremo una visita impegnativa dall’otorino per sospetta tracheomalacia, il marito è svenuto al lavoro e me l’hanno riportato a casa simil-cencio da Vercelli…un periodo magnifico! Le brioche mi sembrano il minimo! Che poi sono più panini dolci che brioche…

Lo zafferano nel dolce può sembrare strano ma se dosato bene è ottimo, il miglior dessert che io abbia mai mangiato era allo zafferano in un hotel a Leukerbad in Svizzera, quando ancora di poteva passare Sant’Ambrogio alle terme e non al lazzaretto Monticelli-Caraccini.

Pronti per la ricetta?

LusseKatter
Serves 12
Write a review
Print
Prep Time
16 hr
Cook Time
30 min
Total Time
16 hr 30 min
Prep Time
16 hr
Cook Time
30 min
Total Time
16 hr 30 min
Ingredients
  1. 180 gr di lievito madre
  2. 300 ml di latte tiepido
  3. 1 bustina di zafferano
  4. 75 gr di burro
  5. 500 gr di farina Manitoba
  6. 100 gr di zucchero
  7. 1 uovo
  8. 100/150 gr di uvetta
Instructions
  1. Sciogliete il burro nel latte mentre lo scaldate, aggiungete la bustina di zafferano e lasciate intiepidire il tutto. Nella planetaria montate il gancio a foglia e sciogliete il lievito madre appena rinfrescato con il latte, burro e zafferano. Passate al gancio a uncino e incorporate la farina, l'uovo, lo zucchero e da ultima l'uvetta. Lasciate lievitare coperto per 4 ore a temperatura ambiente poi trasferite in frigo per tutta la notte. Al mattino fate rinvenire l'impasto a temperatura ambiente per circa 4 ore, poi dividetelo in 12 pezzi. Stendete ogni pezzo in una striscia e arrotolatene metà su se stessa per poi fare la stessa cosa con l'altra metà ma in direzione opposta. Lasciate lievitare finché premendo leggermente col dito l'impasto "rimbalzerà" indietro, circa altre 4 ore al riparo dalle correnti di freddo. Spennallate con un pò di uovo sbattuto e cuocete per 25/30 minuti a 180°.
Notes
  1. Tradizionalmente l'uvetta va usata solo come decorazione sulle due chiocciole della brioche ma amemepiasce e ne ho usata anche nell'impasto.
http://lasignoralaura.com/
Va bene dai, prepariamoci per questo viaggio fra pediatra e osteopata e pregate che non mi becchi niente almeno io, che con la bronchite ho già dato in abbondanza e direi che sono a posto così pure per il resto del 2018. Anche perché dovrei riuscire ad andare in palestra prima o poi e qua se devo fare la piccola infermiera già sono segregata in casa, figuratevi se ricomincio a stare male pure io. Dai, ho anche una borsa nuova bellissima grazie al black friday…voglio uscireeee 😀

Meno male che ho scoperto i ragazzi di Nio, così anche nel delirio un whiskey sour è sempre una certezza! Come lo vedete un lussekatter con un Christmas in Manhattan

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *